top of page

Vivere senza filtri

Vivere senza filtri

Non facciamoci ingannare dall'apparenza: non è sempre tutto oro quello che luccica e spesso le foto che vediamo on line non rispecchiano esattamente la realtà.



Il periodo pre vacanze, si sa, è da sempre caratterizzato dall’ansia della prova costume, con una rincorsa spasmodica alla forma perfetta con diete dell’ultimo minuto, massaggi e trattamenti dimagranti, attività sportive improvvisate per arrivare il più in forma possibile al primo appuntamento con il bikini.

Negli ultimi tempi si è aggiunto un ulteriore fattore di sfida: le foto che spopolano sui social, in particolare Instagram – il social più utilizzato in questo momento e basato tutto sulle immagini – e che propongono, estate e inverno, modelli di uomini e donne che fanno bella mostra di sé su telefonini e computer sfoggiando fisici scolpiti e corpi perfetti. Difficile non fermarsi ad ammirare queste abbronzature da copertina, i capelli appena usciti dalle mani del parrucchiere, la pelle luminosa e levigata, un lato B da urlo… Belle foto sì, ma tutte vere? Non facciamoci ingannare troppo dall’apparenza che spesso, come dice il proverbio, inganna. Oggi esistono, infatti, decine di App che consentono di applicare filtri di ogni tipo alle nostre immagini, ossia di ritoccarle così da far magicamente sparire le rughe, la cellulite e le smagliature, toglierci qualche anno o qualche chilo di troppo, snellire la figura, cambiare addirittura i connotati, fino a trasformarci completamente in un’altra persona. Possiamo anche lavorare sugli sfondi, facendo credere al mondo di essere stati su una spiaggia caraibica anziché sulla riviera romagnola.

Ormai non serve più nemmeno ricorrere alle lampade abbronzanti, per dire di essere stati in vacanza anche se non ci si è mossi da casa… basta scegliere l’app giusta e voilà, ci si abbronza in un attimo, scegliendo anche il grado di doratura.

E allora, senza per questo demonizzare i social, continuiamo pure a divertirci e a giocare con le nostre foto – chi, del resto, da bambino non ha giocato ai travestimenti, trasformandosi per un giorno in principessa in abito lungo e lunghe trecce bionde, in astronauta o in rock star con tanto di parrucca fosforescente e occhiali da sole improbabili?

L’importante è sapere sempre che la vita, quella vera, è off line e senza filtri e, una volta tolto il travestimento, il mondo ci apprezzerà per quello che siamo realmente.

6 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page